Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 10-08-2013 9:34 Aggiornato il: 02-05-2016 13:13

Dematerializzazione dei titoli di Stato

I titoli di Stato italiani emessi prima del 1998, precisamente prima dell’entrata in vigore del D.Lgs. 213/98, erano rappresentati da documenti cartacei che venivano consegnati agli acquirenti e che dovevano poi essere esibiti per la riscossione delle somme spettanti a scadenza o al momento della vendita del titolo.

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

A partire dal 5 ottobre del 1998, con l’entrata in vigore del D.Lgs. 213/98, è stato introdotto il regime della dematerializzazione dei titoli di Stato, in forza del quale i titoli di debito dello Stato italiano non sono più rappresentati da documenti cartacei ma da iscrizioni contabili a favore degli aventi diritto. Pertanto, a partire da tale data il Ministero del Tesoro ha smesso di rilasciare titoli in forma cartacea e al contempo gli intermediari hanno provveduto a ritirare i titoli al portatore e i titoli nominativi e a trasformarli in iscrizioni contabili inserite, a cura della Banca d’Italia, nella nuova gestione centralizzata dei titoli di Stato.

A fronte di ciò, dunque, gli strumenti finanziari non possono essere rappresentati da un supporto cartaceo e si costituiscono mediante iscrizioni o registrazioni contabili presso la società di gestione accentrata. Nel caso specifico dei titoli di Stato, dunque, l’acquisto è rappresentato da iscrizioni contabili in apposito conto titoli aperto presso una banca, un intermediario finanziario autorizzato o Poste Italiane.

Lo scopo della dematerializzazione è quello di rendere più efficiente il funzionamento del mercato finanziario, nonché di agevolare la ridenominazione in euro dei titoli espressi in lire.


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

BrokerCaratteristicheVantaggiConto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
IG
  • Licenze: CONSOB, BaFin
  • Conto CFD, Barrier&Options, Turbo24
  • No deposito minimo
Con IG puoi fare trading sui primi certificati turbo al mondo H24 Prova Gratis IG opinioni
ETFinance
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova Gratis ETFinance opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

 

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

 

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19