Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 07-05-2013 9:19 Aggiornato il: 07-05-2013 9:25

Riacquisto obbligazioni quando conviene aderire

Nel corso dell’ultimo periodo ha subito una forte accelerazione il fenomeno del buy back di obbligazioni, soprattutto da parte delle banche italiane. In altre parole, si tratta di un’operazione di riacquisto delle obbligazioni proprie da parte del soggetto emittente e alla quale gli investitori possono scegliere di aderire cogliendo l’opportunità di monetizzare in anticipo il loro investimento.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Tale possibilità,  tuttavia, non è sempre un buon affare per l’investitore, in quanto la convenienza va valutata caso per caso. Anzitutto è bene precisare che le operazioni di buy back devono essere considerate dei semplici inviti a consegnare i bond, inviti che quindi non è obbligatorio accettare. Questo sempre che il regolamento dell’obbligazione non preveda a favore dell’emittente la cosiddetta opzione call, in quanto in tal caso il soggetto che ha emesso il titolo può procedere al ritiro coatto dei bond e rimborsare in anticipo il prestito.

Per valutare la convenienza dell’adesione all’operazione di riacquisto il risparmiatore deve anzitutto partire dalle condizioni di riacquisto. In altre parole, deve procedere con il calcolo del rendimento residuo a scadenza utilizzando il prezzo di riacquisto offerto dalla banca, ossia il rendimento a cui rinuncia aderendo al buy back. Nella maggior parte dei casi l’emittente riconosce un premio proprio per rendere più conveniente l’adesione.

Oltre a calcolare il rendimento residuo, l’investitore deve anche valutare i rischi derivanti dalla sua mancata adesione. In tal caso, il rischio principale è rappresentato dal venir meno della liquidità, che per i bond subordinati è già piuttosto bassa. A fronte di ciò, la maggior parte degli analisti consiglia di aderire all’operazione onde evitare di potersi trovare successivamente in situzioni spiacevoli.

+

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTrade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Broker con più regolamentazioni
Copy trading
Segnali di Trading
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.