Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 29-04-2015 10:10

Eni i numeri del primo trimestre 2015

Questa mattina, prima dell’apertura di Piazza Affari, i vertici di Eni hanno diffuso i risultati della prima trimestrale 2015; il gruppo guidato da Claudio Descalzi ha mostrato ricavi in flessione a causa del calo del prezzo del brent; tuttavia i conti restano al di sopra delle attese degli analisti.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Eni ha chiuso i primi tre mesi del 2015 con ricavi pari a 23,79 miliardi di euro, in diminuzione del 18,8 per cento rispetto ai 29,2 miliardi contabilizzati nello stesso periodo dello scorso anno; il management del gruppo ha sottolineato che tale flessione è dovuta al calo del prezzo del brent; in aumento, invece, la produzione di idrocarburi.

Si è ridotto anche il risultato operativo adjusted, che è passato da 3,49 miliardi del 2014 a 1,57 miliardi di euro di quest’anno, pur rivelandosi migliore di quanto stimato dagli analisti; in calo pure l’utile netto adjusted, che si è ridotto del 45,6 per cento attestandosi a quota 648 milioni di euro ma, anche in questo caso, il risultato è stato migliore delle previsioni degli analisti.

Alla fine di marzo 2015 l’indebitamento netto era pari a 15,14 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 13,69 miliardi dell’inizio dell’anno; nei primi tre mesi dell’anno gli investimenti tecnici sono stati di 2,9 miliardi di euro, mentre le attività operative hanno prodotto un flusso di cassa di 2,3 miliardi di euro.

Per l’esercizio 2015 i vertici di Eni hanno in programma iniziative di razionalizzare i progetti di investimento; la produzione di idrocarburi è stimata in crescita rispetto all’anno scorso grazie ai nuovi giacimenti che verranno avviati quest’anno e all’incremento dell’attività di quelli già creati lo scorso anno. Il board prevede che, alla fine dell’esercizio in corso, il rapporto tra indebitamento netto e coperture si manterrà entro il limite di 0,30.

Intanto, a Piazza Affari, il titolo Eni ha iniziato la giornata con un aumento dell’1,5% a 17,6 euro.

chiusura
variazione
()
APERTURA
MASSIMO
MINIMO
AGGIORN.
01/01/70 00:00

+

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
IQ Option
Deposito minimo
10€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Vari tipi di Opzioni
Piattaforma con grafici interattivi
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.