Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 13-11-2012 15:43

Unicredit risultati primi nove mesi 2012

Unicredit ha chiuso il terzo trimestre dell’esercizio in corso con un utile netto di 335 milioni di euro, in netto miglioramento rispetto ai 169 milioni registrati nel secondo trimestre dell’anno e ancor più rispetto alla perdita di 474 milioni di euro realizzata nel terzo trimestre 2011. Il dato risulta superiore anche rispetto a quelle che erano le attese degli analisti, che prevedevano in media per Unicredit un utile nel terzo trimestre 2012 pari a 135 milioni di euro.
L’utile netto ha registrato un sostanziale incremento anche se si considerano i primi nove mesi dell’anno. In tal caso, infatti, il dato risulta pari a 1,4 miliardi di euro, in aumento rispetto agli 847 milioni dei primi nove mesi del 2011.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Sul fronte dei ricavi, invece, nel corso dei primi nove mesi dell’anno sono cresciuti del 2% a 19,5 miliardi di euro, mentre se si considera solo il terzo trimestre la crescita messa a segno è stata del 6,9% su base annua, a quota 6,1 miliardi di euro. Nei primi nove mesi il margine operativo lordo è cresciuto del 9,6% a 8,2 miliardi, con accantonamenti su crediti per 5,1 miliardi (+13,2%).

Dal punto di vista dei coefficienti patrimoniali, il Core Tier 1 ratio a settembre era pari al 10,67%, in miglioramento di 28 punti base, il Tier 1 ratio è risultato pari all’11,26%, il Total capital tatio ha raggiunto il 13,83%, mentre il Cet 1 ratio ha raggiunto quota 9,3% anticipando pienamente gli effetti di Basilea 3.

L’amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, nel commentare i dati relativi ai primi nove mesi dell’anno ha affermato che, nonostante la persistente difficoltà del contesto economico, soprattutto in Italia, i ricavi hanno mostrato una buona tenuta grazie alla diversificazione geografica e alla forte presenza nell’area del Centro Est Europa.

chiusura
16.46
variazione
0.03(+0.18%)
APERTURA
16.57
MASSIMO
16.62
MINIMO
16.41
AGGIORN.
01/11/17 17:38
TIPO:
PERIODO:

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTrade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Broker con più regolamentazioni
Copy trading
Segnali di Trading
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.