Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 10-05-2013 16:11

Unicredit risultati primo trimestre 2013

Unicredit ha archiviato il primo trimestre del 2013 con risultati superiori rispetto alle previsioni degli analisti, con conseguenti effetti positivi sull’andamento del titolo.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

In particolare, l’istituto di Piazza Cordusio ha realizzato nel corso del primo trimestre dell’esercizio 2013 un utile netto pari a 449 milioni di euro, in aumento del 2,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e in netta crescita rispetto alla perdita di 124 milioni dell’ultimo trimestre del 2012, nonché nettamente superiore rispetto ai 156 milioni di euro stimati dal consenso.

I ricavi sono stati pari a 6,1 miliardi, con un incremento del 5,6%  rispetto al precedente trimestre ma in flessione del 5,2% su base annua. Il margine d’interesse si è attestato a 3,3 miliardi, a causa della scarsa domanda di prestiti commerciali in Europa occidentale e del tasso Euribor a tre mesi ai minimi storici, mentre le commissioni sono aumentate a 2 miliardi (+2,1%), soprattutto grazie ai servizi d’investimento e alle commissioni sui servizi di finanziamento. Gli accantonamenti su crediti sono invece diminuiti del 9,3% a 1,2 miliardi.

Dal punto di vista patrimoniale, il Core Tier 1 a fine marzo è migliorato di 19 punti base rispetto a fine 2012 ed è pari all’11,03%, il Total Capital Ratio è calato di 17 punti base, al 14,35%, mentre il leverage ratio è rimasto costante a 17,6.  I coefficienti patrimoniali considerano già l’accantonamento di un dividendo di 9 centesimi per azione nel 2013, in linea con il dividendo pagato nel 2012.

Dopo la pubblicazione dei risultati del primo trimestre 2013, l’amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, nel sottolineare la crescita dell’utile ha affermato che nuova struttura del gruppo inizia a mostrare i primi risultati positivi, aggiungendo che la banca continua a focalizzarsi sul contenimento dei costi e sulle attività nell’Europa dell’est.

chiusura
16.46
variazione
0.03(+0.18%)
APERTURA
16.57
MASSIMO
16.62
MINIMO
16.41
AGGIORN.
01/11/17 17:38
TIPO:
PERIODO:

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTrade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Broker con più regolamentazioni
Copy trading
Segnali di Trading
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.