Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 27-05-2013 5:50

Imposta di bollo conto corrente

Dal 2012 la tassazione sul risparmio degli italiani ha subito molte modifiche. Le aliquote fiscali sono in molti casi cambiate, mentre in altre circostanze la normativa è stata quasi completamente rivista. Lo strumento più semplice per la gestione del proprio risparmio, ovvero il conto corrente, viene tassato in misura fissa e non con un bollo proporzionale come avviene per i conti deposito. Questo è un punto fondamentale: l’imposta di bollo sui conti correnti non è la stessa per i conti deposito.

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

Secondo quanto emerge dal DPR 642/72, i conti correnti sono soggetti a un’imposta di bollo fissa di 34,2 euro all’anno per le persone fisiche con giacenza media di almeno 5.000 euro sul conto. I conti deposito bancari e postali sono soggetti, invece, a un bollo proporzionale dell’1,5% annuo senza alcun tetto (come avveniva invece nel 2012 quando c’era un limite di 1.200 euro).

I conti deposito sono ormai una vera e propria forma di investimento, che remunerano la liquidità con tassi spesso anche piuttosto elevati. Da qui arriva l’idea del legislatore di colpire con un’aliquota più elevata questa forma di risparmio rispetto a un tradizionale conto corrente, che invece rappresenta una semplice forma di gestione della liquidità con remunerazione spesso vicina allo zero.

Sui conti correnti non si paga l’imposta di bollo se la giacenza media annua è inferiore a 5.000 euro. I conti correnti di aziende e società sono soggetti a un’imposta di bollo di 100 euro all’anno (cresciuta da 73,8 euro). Il conto corrente è diverso dal conto deposito perché nel primo caso c’è soltanto una mera gestione della liquidità (addebito spese, accredito stipendio, bonifici, etc.), mentre nel secondo caso la liquidità viene acquistata dalla banca che alla scadenza dovrà restituire il denaro maggiorato con gli interessi.


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

BrokerCaratteristicheVantaggiConto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
IG
  • Licenze: CONSOB, BaFin
  • Conto CFD, Barrier&Options, Turbo24
  • No deposito minimo
Con IG puoi fare trading sui primi certificati turbo al mondo H24 Prova Gratis IG opinioni
ETFinance
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova Gratis ETFinance opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

 

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

 

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19