Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 18-03-2014 10:23

Dividendi 2014 banche italiane

Il settore bancario italiano, soprattutto a causa dei paletti imposti dalle autorità di vigilanza e dei cosiddetti stress test a cui vengono periodicamente sottoposte le banche, tentano costantemente di rafforzare il loro patrimonio.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Nonostante questo, molte banche italiane hanno deciso di non rinunciare a distribuire una remunerazione agli azionisti sotto forma di dividendi. Non mancano, tuttavia, istituti che, a fronte dei risultati realizzati nel periodo compreso tra gennaio e dicembre 2013, hanno deciso di non distribuire dividendi ai loro azionisti, preferendo quindi destinare gli utili realizzati al rafforzamento del patrimonio del gruppo.

Di seguito i dividendi che le banche italiane distribuiranno ai loro azionisti nel corso della prima parte del 2014 in relazione all’esercizio 2013.

Banca Carige – –;

Banca Carige RSP – –;

Banca Generali 0,95 euro (data di stacco 19 maggio 2014);

Banca Finnat 0,01 euro (data di stacco 19 maggio 2014);

Banca Ifis 0,57 euro (data di stacco 28 aprile 2014);

Banca Intermobiliare non distribuisce;

Banca MPS non distribuisce;

Banco Desio e Brianza 0,0214 euro (data di stacco 5 maggio 2014);

Banco Desio BR. RNC 0,0364 euro (data di stacco 5 maggio 2014);

Banco Popolare non distribuisce;

Banco Sardegna RSP 0,3 euro (data di stacco 5 maggio 2014);

Banca Popolare di Spoleto – –;

Banca Popolare dell’Emilia Romagna non distribuisce;

Banca Popolare di Milano non distribuisce;

Banca Popolare Etruria e Lazio – –;

Banca Popolare di Sondrio – –;

Banca Profilo – –;

Credem 0,12 euro (data di stacco 19 maggio 2014);

Credito Bergamasco 0,55 euro (data di stacco 14 aprile 2014);

Credito Valtellinese non distribuisce;

Intesa Sanpaolo – –;

Intesa Sanpaolo R – –;

Mediobanca – — ;

Mediolanum – — (0,1 euro distribuiti a novembre 2013);

Ubi Banca 0,06 euro (data di stacco 19 maggio 2014);

Unicredit 0,1 euro (in contanti o oin azioni, con data di stacco 19 maggio 2014);

Unicredit RSP – — ;

+

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTrade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Broker con più regolamentazioni
Copy trading
Segnali di Trading
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.