Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 31-03-2015 9:30 Aggiornato il: 22-10-2018 15:08

Dividendi 2015 delle società del Ftse Mib

Tempo di bilanci per le società quotate a Piazza Affari; i Consigli di Amministrazione dei gruppi raccolti nel paniere principale di Borsa Italiana, ovvero il Ftse Mib, si sono riuniti o si stanno riunendo per approvare i conti relativi all’esercizio 2014 (si veda: Calendario dei CdA approvazione bilancio 2014 delle società del Ftse Mib) e per proporre i dividendi 2015 da distribuire ai soci.

✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

La maggior parte delle società quotate al Ftse Mib hanno già fornito indicazioni sull’importo dei dividendi e sulla data di stacco della cedola e di messa in pagamento. Di seguito l’elenco delle società che compongono l’indice Mib e l’indicazione relativa ai dividendi 2015 esercizio 2014. L’elenco è aggiornato di volta in volta, sulla base delle comunicazioni da parte dei gruppi stessi.

A2A: 0,0363 euro, con data di stacco il 22 giugno 2015 e messa in pagamento il 24 giugno 2015;
Atlantia: 0,8 euro (0,355 euro distribuiti a novembre 2014), con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
Autogrill: non distribuisce;
Azimut: 0,78 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 18 maggio 2015;
Banco Popolare: non distribuisce;
Banca MPS: non distribuisce;
Banca Pop Emilia Romagna: 0,02 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 18 maggio 2015;
Banca Popolare di Milano: 0,022 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 18 maggio 2015;
Buzzi Unicem: 0,05 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 18 maggio 2015;
Campari: 0,08 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 18 maggio 2015;
Cnh Industrial: 0,2 euro;
Enel: 0,14 euro, con data di stacco il 22 giugno 2015 e messa in pagamento il 24 maggio 2015;
Enel Green Power: 0,032 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 18 maggio 2015;
Eni: 1,12 euro (0,56 euro distribuiti a settembre 2014), con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
Exor: 0,35 euro con data di stacco il 22 giugno 2015 e messa in pagamento il 24 giugno 2015;
Fiat Chrysler Automobiles: non distribuisce;
Finmeccanica: non distribuisce;
Generali: 0,6 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
Gtech: 0,75 euro distribuiti a gennaio 2015;
Intesa SanPaolo: 0,07 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
Luxottica: 1,44 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
Mediaset: 0,02 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
Mediobanca: — –;
Mediolanum: 0,27 euro (0,15 euro distribuiti a novembre 2014), con data di stacco il 20 aprile 2015 e messa in pagamento il 22 aprile 2015;
Moncler: 0,12 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
Pirelli: 0.367 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
Prysmian: 0,42 euro, con data di stacco il 20 aprile 2015 e messa in pagamento il 22 aprile 2015;
Saipem: non distribuisce;
Salvatore Ferragamo: 0,42 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
Snam: 0,25 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
STM: 0,4 dollari (in quattro tranche);
Telecom Italia: non distribuisce;
Tenaris: 0,45 dollari (0,15 dollari distribuiti a novembre 2014), con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
Terna: 0,2 euro (0,07 euro distribuiti a novembre 2014), con data di stacca il 22 giugno 2015 e messa in pagamento il 24 giugno 2015;
Tod’s: 2 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
Ubi Banca: 0,08 euro, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 20 maggio 2015;
Unicredit: 0,12 di scrip dividend, con data di stacco il 18 maggio 2015 e messa in pagamento il 5 giugno 2015;
UnipolSai: 0,175 euro, con data di stacco il 22 giugno 2015 e messa in pagamento il 24 giugno 2015;
World Duty Free: non distribuisce;
Yoox: non distribuisce.

+

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.