Valoreazioni
Pubblicato da: SimoneDP - il: 21-03-2016 16:07 Aggiornato il: 21-03-2016 16:22

Dividendi 2016 della borsa italiana

Il momento si avvicina: stiamo parlando dei dividendi che verranno consegnati per questo 2016 nel mercato azionario di Piazza Affari. Sono infatti arrivate le prime indicazioni riguardanti sia la cifra per i dividendi 2016, sia la data quando le cedole verranno staccate. Per chi non lo sapesse, il dividendo è uno dei due fattori pincipali per cui un investitore decide di operare in borsa. Infatti, oltre a vendere e comprare le azioni, aspettare la consegna dividendi è un altro metodo per guadagnare in borsa. I dividendi sono collegati ai titoli azionari, e non sono altro che quella parte di utile che viene distribuito dalla società agli investitori che detengono le azioni.

La decisione di erogare un dividendo, che ha cadenza annuale (quindi in questo caso parliamo dei dividendi 2016), spetta al consiglio di amministrazione di ogni società quotata in borsa. Durante una riunione apposita, le alte sfere della società, così come gli azionisti di maggioranza, si riuniscono per prendere la decisione. Infatti tra i parametri che devono essere stabiliti per il dividendo vi sono la quantità, i modi e le tempistiche. Il tutto tenendo conto delle necessità economiche e finanziarie della società stessa. Perché, come già specificato in precedenza, i dividendi sono una parte degli utili, quindi dei guadagni, che la società distribuisce ai propri azionisti anziché magari investirli in altri modi. La forma più diffusa per la distribuzione dei dividendi, come nel caso dei dividendi 2016, è proprio quella a cadenza annuale. Raramente le società optano invece per una seconda via, quella della distribuzione a cadenza semestrale.

I dividendi si suddividono in:

  • Dividendi normali, quando tali dividendi vengono erogati ogni anno allo stesso modo
  • Dividendi straordinari, quando invece i dividendi non hanno erogazione costante ma solo sotto specifiche circostanze finanziarie

I dividendi possono essere erogati in molte forme, ma la più diffusa è quella in contanti. Di solito infatti, l’azionista riceverà il proprio dividendo entro due giorni dallo stacco delle cedole. Un’altra opzione invece, è quella dell’aumento gratuito di capitale. Ciò significa che la società, anziché pagare il dividendo in contanti, ha preferito consegnare altre azioni ai propri azionisti (di norma il 5% di quanto già posseduto dall’azionista, perciò se possiedo 100 azioni riceverò altre 5 azioni). Raramente invece si ricorre alla distribuzione dei prodotti aziendali, come pagamento dei dividendi agli azionisti.

Come incassare i dividendi 2016

Per incassare i dividendi di una società, è necessario possedere le azioni di tale società durante il giorno di stacco delle cedole. Si può anche incassare il dividendo e il giorno stesso vendere le azioni di tale società, ma non comprare le azioni il giorno della distribuzione dei dividendi e sperare di riceverlo, poiché bisogna già possedere l’azione il giorno prima dello stacco delle cedole. Perciò, se si vendono le proprie azioni il giorno prima, non si avrà più diritto a ricevere il proprio dividendo. Viceversa, se si comprano il giorno prima, si avrà diritto a ricevere i dividendi che spettano agli azionisti.

dividendi

Per fare un rapido esempio chiarificatore, mettiamo che abbiamo comprato 1000 azioni della Società X. Tale società, ha reso noto che distribuirà i dividendi il giorno 10 Maggio 2016. Il dividendo sarà pari a 0,3 per ogni azione: ciò significa che il giorno 10 Maggio 2016 io, azionista, riceverò un dividendo per ogni azione, quindi 0,3 x 1000 azioni. Un totale di 300 euro come dividendi. Questa somma ci verrà accreditata di norma due giorni dopo lo stacco delle cedole, quindi il 12 Maggio 2016.

Elenco per società dei dividendi 2016

Compreso che cosa siano i dividendi e come si possono incassare, andiamo adesso a vedere l’elenco di tutte le società divise per panieri o in ordine alfabetico, con tutte le informazioni relative alla distribuzione dei dividendi 2016, anno corrente di trading azionario. Vi basterà cliccare sul link che vi interessa, per essere reindirizzati sulla pagina contenente tutte le informazioni relative ai dividendi della società che state cercando.

Dividendi 2016 del Ftse Mib

Dividendi 2016 del Ftse All-Share (Lettere A-B)

Dividendi 2016 del Ftse All-Share (Lettere C-F)

Dividendi 2016 del Ftse All-Share (Lettere G-O)

Dividendi 2016 del Ftse All-Share (Lettere P-Z)

Dividendi 2016 delle azioni di risparmio

Dividendi 2016 dell’AIM Italia

 

 


Migliori piattaforme di Trading & Forex
# Broker Dettagli
1eToro Licenza: CySEC
Conto demo gratuito
Deposito min: 50 $
DEMO
Opinioni eToro 5 stelle
2Markets Licenza: CYSEC, FSA, MIFID
Conto demo gratuito
Deposito min: 100 €
DEMO
Opinioni Markets 5 stelle
324Option Licenza: CySEC
Conto demo gratuito
Deposito min: 100 €
DEMO
Opinioni 24Option 5 stelle
4ITRADER Licenza: CySEC, MiFID
Conto demo gratuito
Deposito min: 250$
DEMO
Opinioni ITRADER 5 stelle
5XTB Licenza: KNF (licenza polacca)
Conto demo gratuito
Deposito min: 100 €
DEMO
Opinioni XTB 5 stelle
6Dukascopy Licenza: FCMC - MiFID
Conto Demo ECN gratuito - data feed completo
Deposito min: 100 €
DEMO
Opinioni Dukascopy 5 stelle
*Your capital is at risk (CFD service)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Termini di ricerca:

  • stacco dividendi 2016 borsa italiana
  • elenco stacco dividendi 2016

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Valoreazioni.com