Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 04-12-2013 9:35

Limiti ai dividendi delle banche italiane

Negli ultimi anni la Banca d’Italia ha più volte invitato le banche italiane a non distribuire dividendi agli azionisti, o a distribuirli per un ammontare limitato, al fine di rafforzare il proprio capitale. Un’operazione, quella volta al rafforzamento patrimoniale degli istituti di credito, necessaria oltre che a fronte della situazione di crisi economica e finanziaria anche e soprattutto in virtù dei paletti introdotti in tal senso delle regole di Basilea.

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

Il monito della Banca d’Italia, tuttavia, non sempre è stato osservato. Molte banche hanno infatti deciso di continuare a distribuire una remunerazione ai propri azionisti nonostante la situazione economica poco rassicurante. Da qui la decisione di Bankitalia di introdurre un limite attraverso la disciplina sulle riserve di capitale, in vigore da gennaio 2014.

In particolare, le banche che non rispetteranno i requisiti indicati durante il primo periodo di applicazione potranno distribuire dividendi soltanto nei limiti dell’ammontare massimo distribuibile calcolato sugli utili realizzati nel corso dell’esercizio 2013. La procedura prevede un calcolo matematico che definirà l’ammontare massimo distribuibile, variabile a seconda della lontananza dalle soglie minime richieste dai cuscinetti patrimoniali, i cosiddetti “buffer”. A fronte di ciò, dunque, le banche che presentano risorse patrimoniali limitate saranno obbligate a non distribuire dividendi agli azionisti oppure a distribuirli in maniera limitata.

Tale limitazione interessa quindi in maniera rilevante non solo le banche ma anche coloro che scelgono in investire in azioni del settore bancario nell’ottica di una remunerazione attraverso i dividendi e che quindi d’ora in avanti dovranno tener conto non solo della politica adottata dall’istituto in tal senso ma anche dei paletti messi da Bankitalia.


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

BrokerCaratteristicheVantaggiConto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
IG
  • Licenze: CONSOB, BaFin
  • Conto CFD, Barrier&Options, Turbo24
  • No deposito minimo
Con IG puoi fare trading sui primi certificati turbo al mondo H24 Prova Gratis IG opinioni
ETFinance
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova Gratis ETFinance opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

 

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

 

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19