Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 26-09-2013 13:19

Politica dividendi Enel possibile aumento del pay-out dal 2015

Gli analisti di alcune tra le principali banche d’affari ipotizzano in questi giorni una revisione al rialzo della politica dei dividendi da parte di Enel a fronte della plusvalenza che il colosso energetico italiano dovrebbe realizzare dalla cessione del 19,6% di SeverEnergia a Rosneft.

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Attualmente, ricordiamo, la politica del gruppo in tema di dividendi prevede un pay-out ratio del 40% sull’utile netto ordinario. Tale percentuale, tuttavia, secondo gli esperti di UBS, potrebbe essere alzata tra il 2015 e il 2017 in modo tale da portare ad una crescita del dividendo del 40%-50%. Prima di tale revisione, tuttavia, la cedola dovrebbe rimanere sui livelli di quella distribuita in relazione all’esercizio 2012, le previsioni parlano infatti di 0,14 euro per azione sul bilancio 2013, di 0,13 euro per azione sul bilancio 2014 e di 0,14 euro per azione sul bilancio 2015.

La cessione di SeverEnergia a Rosneft, come annunciato da Enel, avverrà a fronte del pagamento di un corrispettivo di 1,8 miliardi di dollari, pari a circa 1,4 miliardi di euro. Tale valutazione è significativamente superiore sia al valore della partecipazione, che ricordiamo ammonta a 3292 milioni di euro, che alle aspettative degli analisti, che ricordiamo avevano ipotizzato un prezzo di circa 600 milioni di euro. La plusvalenza prima delle tasse dovrebbe quindi essere pari a circa un miliardo di euro, ovvero pari a 0,1 euro per azione.

La notizia della cessione ad un valore superiore alle aspettative secondo gli analisti è positiva non solo per l’eventuale crescita del dividendo destinato agli azionisti ma anche perché riduce i timori legati a possibili ritardi nell’attuazione del piano di dismissioni annunciato lo scorso marzo e che ricordiamo prevede cessioni per complessivi 6 miliardi di euro entro la fine del 2014.

chiusura
5.385
variazione
0.06(+1.127%)
APERTURA
5.345
MASSIMO
5.405
MINIMO
5.335
AGGIORN.
01/11/17 17:40
TIPO:
PERIODO:
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
IC Markets Deposito: 200€
Licenza: AFSL/ASIC - FSA
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
IG Markets Deposito: 0€
Licenza: FCA / CONSOB
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.