Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 03-09-2013 9:24

Previsioni dividendi 2014 – aggiornamento settembre 2013

A seguito della presentazione dei risultati realizzati nel corso del primo semestre di quest’anno, alcune società quotate a Piazza Affari hanno già comunicato l’intenzione di distribuire un acconto sul dividendo relativo all’esercizio 2013, il cui saldo sarà poi pagato nel corso della prima metà del 2014. Figurano tra queste Eni, che il 26 settembre prossimo pagherà ai suoi azionisti un acconto di 0,55 euro per ciascuna azione ordinaria, e Snam, che il 24 ottobre prossimo metterà in pagamento un acconto di 0,10 euro per azione.

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Nel frattempo, gli analisti hanno già formulato le loro previsioni in merito all’ammontare della cedola che le principali società quotate sul listino milanese distribuiranno ai loro azionisti nel corso della prima parte del 2014, dopo l’esame e l’approvazione, prima ad opera del Consiglio di amministrazione e poi dell’assemblea, dei risultati realizzati nel corso del 2013.

Di seguito le previsioni sui dividendi che saranno distribuiti nel 2014 in relazione all’esercizio 2013 dalle società che compongono l’indice FTSE Mib, sulla base delle stime raccolte entro il 2 settembre 2013.

A2A 0,03 euro;
Ansaldo Sts 0,17 euro;
Atlantia 0,77 euro;
Autogrill 0,18 euro;
Azimut 0,57 euro;
Banca Mps 0,00 euro;
Banca Pop Emilia 0,05 euro;
Banca Pop Milano 0,01 euro;
Banco Popolare 0,02 euro;
Buzzi Unicem 0,10 euro;
Campari 0,08 euro;
Diasorin 0,46 euro;
Enel 0,13 euro;
Enel Green Power 0,03 euro;
Eni 1,10 euro;
Exor 0,35 euro;
Fiat 0,02 euro;
Fiat Industrial  0,26 euro;
Finmeccanica 0,05 euro;
Fondiaria Sai 0,05 euro;
Generali 0,41 euro;
Gtech 0,76 euro;
Intesa Sanpaolo 0,05 euro;
Luxottica 0,69 euro;
Mediaset 0,01 euro;
Mediobanca 0,06 euro (esercizio 2012/2013);
Mediolanum 0,23 euro;
Parmalat 0,04 euro;
Pirelli 0,34 euro;
Prysmian 0,40 euro;
Saipem 0,06 euro;
Salvatore Ferragamo 0,44 euro;
Snam 0,25 euro;
STMicroelectronics 0,39 euro;
Telecom Italia 0,04 euro;
Tenaris — ;
Terna 0,20 euro;
Tod’s 3,00 euro;
UBI Banca 0,06 euro;
Unicredit 0,08 euro.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Plus500 Deposito: 100 €
Licenza: FCA-CySEC-ASIC [80.6% of retail CFD accounts lose money]
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
IQ Option Deposito: 10 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - I CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.Il 66% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore.
Prima di investire assicurati di comprendere come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.