Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 19-05-2014 10:07 Aggiornato il: 01-05-2016 18:35

Come liberare un immobile da ipoteca

L’ipoteca, ossia il vincolo posto su un immobile a titolo di garanzia, necessaria ad esempio in caso di sottoscrizione di un mutuo o su specifica disposizione del giudice, può essere estinta in numerosi casi, puntualmente indicati dall’articolo 2878 del Codice Civile, ovvero: l’estinzione del debito a cui è collegata l’ipoteca; rinuncia del creditore al credito garantito da ipoteca; rinuncia del creditore all’ipoteca; si verifica la condizione a cui è collegato l’annullamento dell’ipoteca; viene raggiunto il termine a cui è stata legata la durata dell’ipoteca; l’ipoteca non viene rinnovata una volta trascorsi venti anni dalla sua iscrizione; a seguito del perimento dell’immobile ipotecato; su richiesta del tribunale, che ordina la cancellazione dell’ipoteca.

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Al riguardo occorre precisare che l’estinzione e la cancellazione dell’ipoteca non sono la stessa cosa. Le ipotesi sopra descritte, infatti, rappresentano delle ipotesi di estinzione dell’ipoteca. In tal caso l’ipoteca sarà quindi inutilizzabile, in altre parole è come se non esistesse praticamente in quanto nessun avente diritto può esercitarla, tuttavia essa continuerà comunque a figurare, pur essendo priva di efficacia. Pertanto, onde evitare che l’ipoteca risulti ancora presente sugli atti riguardanti un determinato immobile, occorre procedere alla sua cancellazione.

La  modalità di cancellazione dell’ipoteca dipende dalla tipologia di ipoteca stessa. Qualora l’ipoteca sia volontaria e sia relativa ad un mutuo, sarà sufficiente che la banca comunichi agli uffici competenti l’avvenuta estinzione del mutuo, tutto senza alcun onere per il debitore. In alternativa è necessario l’intervento del notaio con spese a carico del debitore.

In caso di ipoteche iscritte su esplicita richiesta del giudice, invece, occorre anzitutto la dichiarazione di rinuncia da parte del creditore e rivolgersi al Tribunale affinché un magistrato emetta un ordine di cancellazione.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
IC Markets Deposito: 200€
Licenza: AFSL/ASIC - FSA
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
IG Markets Deposito: 0€
Licenza: FCA / CONSOB
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.