Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 05-01-2015 11:31 Aggiornato il: 01-05-2016 22:39

Come richiedere i voucher baby sitter o asilo nido 2015

Per favorire il rientro delle neo mamme sul posto di lavoro e offrire loro un sostegno, è possibile usufruire di contributi e voucher INPS per baby-sitter o asili nido per il biennio 2014-2015. In pratica, le madri lavoratrici che hanno terminato il congedo di maternità possono chiedere la corresponsione di un contributo per pagare una baby sitter oppure per pagare la retta dell’asilo nido per sei mesi.

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Chi può presentare la domanda?

Possono presentare la domanda per accedere ai contributi economici per baby-sitter o asili nido, le madri lavoratrici che hanno diritto al congedo parentale, i dipendenti delle amministrazioni pubbliche o privati datori di lavoro, oppure iscritte alla gestione separata Inps che, al momento della presentazione della domanda, rientrino ancora negli 11 mesi successivi al termine del periodo di congedo maternità obbligatorio.

A quanto ammonta il contributo? Il contributo è pari a un importo massimo di 600 euro mensili ed è erogato per un periodo massimo di sei mesi; le lavoratrici part-time e quelle iscritte alla gestione separata possono usufruire del contributo per un periodo ridotto.

Il contributo per la retta dell’asilo nido sarà erogato dall’Inps direttamente alla struttura, mentre quello per la baby sitter verrà erogato attraverso il sistema dei buoni lavoro (i voucher Inps) che dovranno essere ritirati dalle lavoratrici entro 120 giorni dalla ricevuta comunicazione di accoglimento della domanda, presso la sede provinciale Inps.

Dove presentare la domanda? La domanda va presenta all’Inps attraverso il sito internet dell’Inps, attraverso il seguente percorso: Servizio per il cittadino -> Autenticazione con PIN –> Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito –> Invio delle domande per l’assegnazione dei contributi per l’acquisto dei servizi per l’infanzia.

La domanda deve contenere:

– l’indicazione di quale dei due benefici si intende usufruire e, nel caso, dell’asilo nido bisogna indicare il nome della struttura presso la quale è stato iscritto il bimbo.
L’indicazione del periodo di fruizione del contributo e, quindi, il numero dei mesi.
La dichiarazione della rinuncia al corresponsione numero di mesi di congedo parentale.
La dichiarazione ISEE valida.

Entro quando si può presentare la domanda? Si può richiedere il contributo economico fino al 31 dicembre 2015.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
IG Markets Deposito: 0€
Licenza: FCA / CONSOB
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
IQ Option Deposito: 10 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

ASPETTA!

Oggi 57 nuovi studenti hanno scaricato gratuitamente la guida al trading online di 24option!

VUOI SCARICARE ANCHE TU L'EBOOK GRATIS?