Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 12-06-2014 11:30 Aggiornato il: 01-05-2016 18:34

Come si calcola la Tasi

Nei Comuni in cui l’aliquota è stata deliberata per tempo, i contribuenti devono provvedere al pagamento della Tasi entro il 16 giugno prossimo. In tutti gli altri casi, invece, l’acconto dovrà essere pagato ad ottobre e il saldo a dicembre.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Tenuti al pagamento dell’imposta sono tutti coloro che sono in possesso di un diritto reale su un immobile, come la proprietà o l’usufrutto. Il pagamento viene fatto tramite modello F24 sulla base del calcolo effettuato dagli stessi contribuenti, o da professionisti da questi incaricati. Ne deriva quindi che in questi giorni sono già numerosi coloro che sono alle prese con il calcolo della somma da versare a titolo di Tasi. Per poter effettuare il calcolo della Tasi bisogna essere in possesso di una serie di dati riguardanti l’immobile, primo tra tutti la rendita catastale.

La prima cosa da fare consiste infatti nel determinare la base imponibile, quindi bisogna prendere la rendita catastale e rivalutarla del 5%, ottenendo così la rendita aggiornata. A tale importo deve essere applicato uno dei coefficienti prestabiliti, diversi a seconda dell’immobile di riferimento. Tali coefficienti sono:
160, per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, con esclusione della categoria catastale A/10;
140, per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5;
80, per i fabbricati classificati nella categoria catastale D/5 e A/10;
65, per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D, ad eccezione dei fabbricati classificati nella categoria catastale D/5;
55, per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1.

All’importo così ottenuto devono poi essere applicate le aliquote determinate dal Comune di riferimento attraverso apposita delibera.

Per conoscere le aliquote del proprio Comune si rinvia al sito del Dipartimento delle Finanze, che contiene le varie delibere.


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTrade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Broker con più regolamentazioni
Copy trading
Segnali di Trading
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.