Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 11-01-2014 9:00 Aggiornato il: 01-05-2016 22:14

Dichiarazione dei canoni di locazione non percepiti

In caso di morosità dell’inquilino, il proprietario dell’immobile concesso in affitto non solo si trova a dover fare i conti con il mancato introito mensile di una somma di denaro ma è anche obbligato ad includere i canoni non percepiti nella sua dichiarazione dei redditi, in quanto a prescindere dall’effettivo pagamento del canone da parte dell’inquilino, i redditi derivanti dalla concessione in locazione di immobili ad uso abitativo concorrono a formare il reddito complessivo del proprietario dell’immobile (o del titolare di altro diritto reale sullo stesso).

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

I canoni non corrisposti dall’inquilino e quindi non percepiti dal proprietario dell’immobile, tuttavia, non dovranno essere dichiarati nel momento in cui si conclude il procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità dell’inquilino, in quanto in tal caso il reddito dell’immobile viene determinato esclusivamente sulla base della sua rendita catastale, ovvero è considerato come non concesso in affitto.

In altre parole, il canone di locazione, anche se non percepito, deve essere sempre dichiarato, anche nel caso in cui sia stato avviato un procedimento giurisdizionale finalizzato allo sfratto dell’inquilino moroso ma non ancora concluso. L’unica ipotesi che legittima il proprietario dell’immobile a non dichiarare i redditi percepiti è quella in cui ci sia stata la conclusione a suo favore del procedimento giurisdizionale, con la conseguente decisione del giudice di convalidare lo sfratto dell’inquilino moroso.

Riguardo al procedimento di sfatto per morosità dell’inquilino, ricordiamo, ad avviarlo è ovviamente il locatore che, tramite un avvocato, provvede a notificare al conduttore l’intimazione a presentarsi davanti al giudice al fine di ottenere l’accertamento dell’inadempimento contrattuale e il conseguente rilascio dell’immobile.

+

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTrade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Broker con più regolamentazioni
Copy trading
Segnali di Trading
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.