Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 26-11-2013 6:11 Aggiornato il: 01-05-2016 22:15

Emissione fattura senza partita IVA

Può capitare di essere particolarmente specializzati in una particolare professione ma senza avere in quel momento un giro d’affari significativo. In questo caso di solito si evita l’apertura della partita IVA, in quanto comporta costi di vario genere che possono abbassare sensibilmente il livello di profitto alla fine dell’anno. Tuttavia è possibile erogare i propri servizi o vendere prodotti anche senza avere la partita IVA. E’ il caso della prestazione occasionale, per la quale è sufficiente emettere una ricevuta fiscale. Si tratta di casi in cui viene a mancare il requisito della continuità del lavoro.

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Insomma, chi fornisce il servizio (o vende un prodotto) lo fa in modo sporadico. Per dimostrare che il proprio lavoro è occasionale, e non continuativo, è fondamentale documentare che il proprio reddito annuo netto non superi i 5.000 euro. Inoltre, nell’anno solare il rapporto di lavoro non deve superare i 30 giorni con lo stesso committente, ovvero chi richiede il servizio o il prodotto.

Chi, invece, ha un volume d’affari che lo porta a superare i 5.000 euro netti annui di reddito dovrà necessariamente aprire una partita IVA, iscrivendosi all’Inps e pagando i contributi. L’opzione possibile diventa così l’emissione di una ricevuta per prestazione occasionale, senza IVA e senza contributi Inps. Sarà indicata soltanto la ritenuta d’acconto, che comunque non sarà versata da chi ha erogato il servizio bensì dal committente.

Colui che richiede la prestazione, a titolo occasionale, svolgerà così la funzione di sostituto d’imposta, ovvero pagherà al fisco le imposte per conto del proprio commissionario. Alla fine dell’anno il committente invierà una certificazione dei compensi corrisposti. Questo documento dovrà essere utilizzato per compilare la propria dichiarazione dei redditi, attraverso il Modello Unico o il 730.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
IQ Option Deposito: 10 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Plus500 Deposito: 100 €
Licenza: FCA-CySEC-ASIC [80.6% of retail CFD accounts lose money]
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - I CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.Il 66% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore.
Prima di investire assicurati di comprendere come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.