Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 07-03-2014 9:05 Aggiornato il: 18-10-2018 10:27

Differenza tra diffida e messa in mora

Sia la messa in mora che la diffida ad adempiere sono strumenti a cui solitamente si fa ricorso quando si è creditori di una somma di denaro nei confronti di un soggetto inadempiente oppure nel caso in cui si è già provveduto a pagare un bene o un servizio non ricevuto. Esistono però delle differenze sostanziali tra le due fattispecie.

La diffida ad adempiere è una lettera scritta che l’interessato invia alla controparte e attraverso la quale gli intima di adempiere alla prestazione dovuta per effetto del contratto siglato entro un congruo termine, solitamente 15 giorni dal ricevimento della lettera, altrimenti il contratto dovrà intendersi risolto. Tale fattispecie, disciplinata dall’articolo 1454 del Codice Civile, implica quindi che in caso di mancato adempimento della prestazione entro il termine indicato, il contratto si intenderà sciolto di diritto, senza quindi la necessità di una sentenza emessa dal tribunale. Perché la diffida ad adempiere produca tale effetto, tuttavia, è necessario che tale conseguenza venga esplicitamente indicata nel contratto (per maggiori informazioni di veda “Fac-simile diffida ad adempiere“).

Con la lettera di messa in mora, invece, il soggetto interessato intima alla controparte l’adempimento della prestazione dovuta per effetto di un contratto entro un termine prestabilito. Nel caso in cui ciò non dovesse accadere, provvederà ad instaurare un vero e proprio processo davanti al giudice al fine di ottenere coattivamente la soddisfazione delle sue pretese. La messa in mora, dunque, oltre ad essere una sorta di avvertimento per il soggetto inadempiente, produce anche una serie di effetti, tra cui l’interruzione dei termini di prescrizione e il trasferimento in capo al soggetto inadempiente del rischio di impossibilità sopravvenuta alla prestazione.


Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CYSEC, FSA, MIFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Termini di ricerca:

  • la revoca del fido e la messa in mora
  • quando si usa la diffida e quando la messa in mora

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Valoreazioni.com