Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 19-06-2013 6:34

Differenza tra tasso fisso e tasso variabile

In finanza la differenza tra il tasso fisso e il tasso variabile nelle scelte di forme di investimento e/o finanziamento è da tenere in doverosa considerazione, soprattutto in un’ottica di medio-lungo periodo. Se si vuole accendere un mutuo, bisogna capire se conviene preferire un finanziamento a tasso fisso oppure a tasso variabile. Il tasso fisso comporta costi più elevati, ma garantisce la certezza dell’invariabilità del costo totale per l’intera durata del finanziamento. Il costo variabile può subire anche violenti oscillazioni, in caso di improvvisi shock sul mercato dei tassi.

Il tasso fisso si fa preferire quando si ha un’adeguata rendita mensile, in grado di coprire agevolmente il costo per tutta la durata del mutuo. Inoltre, può essere conveniente rispetto al tasso variabile quando i tassi di mercato sono ai minimi storici e ci sono forti aspettative di ripresa economica e dell’inflazione. Il tasso variabile, invece, è adatto soprattutto a chi ha la necessità di ridurre al minimo i costi delle rate mensili del mutuo.

Il tasso variabile risulta interessante quando l’economia è in fase di surriscaldamento e le banche centrali iniziano a portare avanti una stretta monetaria. In questo caso è lecito attendersi una diminuzione dei tassi di mercato. Bisogna sapere che il tasso variabile agganciato ai mutui in Italia è legato alle oscillazioni del principale tasso interbancario europeo, ovvero l’Euribor a 3 mesi.

La differenza tra il tasso fisso e il tasso variabile è importante anche in tema di investimenti finanziari. Ad esempio, la scelta di forme di investimento a tasso fisso è spesso dettata dalla volontà di rischiare poco ed è indirizzata verso strumenti del mercato monetario e/o obbligazionario. Investimenti a tasso variabile sono legati alle oscillazioni del mercato sottostante di riferimento, come ad esempio l’azionario o l’obbligazionario ad alto rendimento.


Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CYSEC, FSA, MIFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Termini di ricerca:

  • differenza tra tasso fisso e variabile

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Valoreazioni.com