Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 15-07-2013 6:01

Tassazione derivati

I derivati finanziari sono contratti caratterizzati dal fatto che il prezzo è basato sul valore di mercato di una particolare attività sottostante, che può essere un’azione, commodity, valuta, tassi, indici e così via. Questi strumenti finanziari sono utilizzati principalmente per scopi di copertura del rischio (hedging), ma anche per arbitraggio e speculazione. La tassazione di questi strumenti finanziari è cambiata a partire dal 1° gennaio 2012, data a partire dalla quale è avvenuta una vera e propria svolta per la tassazione delle rendite finanziarie. Anche i derivati hanno sperimentato importanti modifiche.

L’aliquota fiscale sui redditi da capitale e sui redditi diversidi natura finanziaria è stata alzata al 20% dalla precedente aliquota del 12,5%. Secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 138/2011, successivamente convertito con modificazioni nella Legge 148/2011, la tassazione sui derivati prevede dunque l’applicazione di un’aliquota fiscale del 20%. Tra gli strumenti finanziari derivati rientrano i contratti a termine, i futures, le opzioni, gli swap.

Bisogna ricordare che, anche se ogni giorno vengono effettuati movimenti di liquidità, in entrata o in uscita, per il mantenimento del margine sul conto derivati, ai fini fiscali l’utile e la perdita si definiscono soltanto al momento della chiusura delle posizioni. Sui derivati incombe, però, anche un’altra imposta. Si tratta della nuova “Tobin tax” all’italiana, ovvero la tassazione sulle transazioni finanziarie. Su questo punto busogna fare alcune precisazioni importanti.

L’imposta colpisce i derivati italiani, come i futures, i covere warrant, le opzioni e i CFD sulle azioni italiane e sull’indice azionario italiano FTSE MIB. L’imposta è pari allo 0,22% per il 2013 e dello 0,2% nel 2014. La Tobin tax italiana esclude i derivati su indici e azioni estere, i derivati sui tassi di interesse e sulle materie prime (commodity). Ciò vuol dire che derivati esteri molto liquidi, come il Bund future, il Dax future e l’Eurostoxx future, saranno esentati dall’imposta, mentre il future sull’indice FTSE MIB no. A differenza delle azioni, viene colpita sia il trading intraday che quello multiday. Paga sia il compratore che il venditore.


Migliori piattaforme di Trading & Forex
# Broker Dettagli
1eToro Licenza: CySEC
Conto demo gratuito
Deposito min: 50 $
DEMO
Opinioni eToro 5 stelle
2Markets Licenza: CYSEC, FSA, MIFID
Conto demo gratuito
Deposito min: 100 €
DEMO
Opinioni Markets 5 stelle
324Option Licenza: CySEC
Conto demo gratuito
Deposito min: 100 €
DEMO
Opinioni 24Option 5 stelle
4ITRADER Licenza: CySEC, MiFID
Conto demo gratuito
Deposito min: 250$
DEMO
Opinioni ITRADER 5 stelle
5XTB Licenza: KNF (licenza polacca)
Conto demo gratuito
Deposito min: 100 €
DEMO
Opinioni XTB 5 stelle
6Dukascopy Licenza: FCMC - MiFID
Conto Demo ECN gratuito - data feed completo
Deposito min: 100 €
DEMO
Opinioni Dukascopy 5 stelle
*Your capital is at risk (CFD service)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Valoreazioni.com