Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 22-04-2013 9:18

Investire in Borsa per difendersi dall’inflazione

Visto l’andamento dei mercati azionari nel corso degli ultimi anni, riuscire a battere l’inflazione investendo in Borsa non è certo cosa semplice. Tuttavia, se si esaminano i rendimenti offerti dai 40 titoli azionari del FTSE Mib nel corso degli ultimi 10 anni emerge che ben 17 di questi sono al di sopra del 22,1%, ossia l’aumento del costo della vita registrato durante l’ultimo decennio.

Tra questi figura al primo posto Tenaris, con un rendimento composto degli ultimi dieci anni addirittura dell’808,9%, seguito da Tod’s (452,5%), Campari (358,7%), Luxottica (337,4%), Saipem (307,8%), Snam (221 ,8%), Impregilo (216,9%), Exor (203,7%), Eni (137,8%), Buzzi Unicem (137,1%), Lottomatica (121,3%), Pirelli & C. (101,4%), Atlantia (88,1%), Fiat (84,4%), Mediolanum (41,2%), Autogrill (37,6%) e Enel (29,1%).

Se si considera un periodo di tempo meno lungo e si restringe quindi l’analisi all’anno in corso, risulta addirittura maggiore il numero di titoli azionari quotati sul listino milanese e in grado di offrire un rendimento superiore rispetto alla percentuale di aumento del costo della vita. Considerando solo il 2013, infatti, il rendimento maggiore è quello offerto da Snam, pari al 6,76%, seguono poi Eni (6,30%), Terna (6,01%), Atlantia (5,98%), A2A (5,66%), STMicroelectronics (5,15%), Enel (4,95%), Pirelli & C. (4,94%), Mediolanum (4,61%), Lottomatica (4,36%), Azimut Holding (4,21%), Intesa Sanpaolo (4.03%), Finmeccanica (3,86%), Assicurazioni Generali (3,52%), Telecom Italia (3,27%) e Fiat Industrial (3,21%).

Se l’obiettivo è quello di investire in Borsa per riuscire ad ottenere rendimenti capaci di battere l’effetto erosivo dell’inflazione, gli esperti consigliano di puntare su società che operano su concessione o in mercati regolamentati, come ad esempio Snam, Terna e Atlantia, nonché sui titoli di società che producono beni con una forte leva sui prezzi, come ad esempio quelli del settore del lusso, oppure che operano in mercati in  cui il ciclo economico segue un trend diverso rispetto a quello dell’Europa.

chiusura
11.83
variazione
0.08(+0.68%)
APERTURA
11.81
MASSIMO
12.07
MINIMO
11.78
AGGIORN.
01/11/17 17:36
TIPO:
PERIODO:
chiusura
4.408
variazione
0.022(+0.502%)
APERTURA
4.4
MASSIMO
4.438
MINIMO
4.378
AGGIORN.
01/11/17 17:38
TIPO:
PERIODO:

 

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CYSEC, FSA, MIFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Valoreazioni.com