Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 14-01-2013 8:29 Aggiornato il: 14-01-2013 8:31

Investire in obbligazioni nel 2013

Il mercato obbligazionario offre numerose opportunità grazie alla contemporanea presenza di debitori pubblici e privati. Secondo gli esperti, entrambe le tipologie di emissioni andrebbero inserite all’interno del proprio portafoglio titoli, in considerazione delle differenti caratteristiche che le contraddistinguono.

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Sul fronte dei rendimenti, molto spesso le obbligazioni societarie offrono remunerazioni più accattivanti a fronte del fatto che per poter attrarre l’interesse dell’investitore devono essere competitive rispetto ai titoli di Stato. Al riguardo entra in gioco, oltre che il rating (che giudica l’affidabilità dell’emittente), anche la situazione economica e finanziaria del Paese a cui appartiene la società emittente. Importante anche il settore in cui opera quest’ultima, in particolare al riguardo gli esperti consigliano un’opportuna diversificazione che vada ad includere prestiti di società con un elevato grado di affidabilità e un rendimento poco interessante e obbligazioni di società che offrono elevati rendimenti ma assegnatarie di rating inferiori.

Per quanto riguarda il 2013, un portafoglio obbligazionario con una media propensione al rischio potrebbe essere composto per il 65% da titoli di Stato e per il restante 35% da corporate bond.

Per quanto riguarda le obbligazioni governative, in particolare, il 15% andrebbe destinato ai BTP Italia a 4 anni; un altro 15% ai titoli con durata decennale; un altro 15% ai titoli con durata quinquennale; un 10% ai titoli governativi a due anni e il restante 10% ai titoli governativi a tre anni. Per la parte destinata alle obbligazioni societarie, invece, un’opportuna diversificazione dei settori potrebbe essere attuata assegnado una quota del 4% al settore auto; un 4% al settore delle telecomunicazioni; un 4% al settore finanziario; un 4% al settore delle utilities; un 4% al settore farmaceutico; un 3% al settore dei trasporti; un 2,5% al settore della distribuzione; un 2,5% al settore chimico; un 2,5% al settore alimentare; un 2,5% al settore petrolifero; una quota dell’1% al settore cementifero e una quota sempre dell’1% al settore del tempo libero e/o altro.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Plus500 Deposito: 100 €
Licenza: FCA-CySEC-ASIC [80.6% of retail CFD accounts lose money]
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
IQ Option Deposito: 10 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - I CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.Il 66% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore.
Prima di investire assicurati di comprendere come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.