Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 17-12-2012 9:40 Aggiornato il: 17-12-2012 9:49

Investire in titoli di Stato italiani nel 2013 e proteggersi dall’inflazione

In vista delle turbolenze che probabilmente caratterizzeranno il mercato del reddito fisso per via delle imminenti elezioni politiche in Italia, i fund manager e gli investitori professionali consigliano di puntare sui titoli di Stato a breve termine. Come ricorda Daniele Guidi, responsabile del reddito fisso di Bnp Paribas Ip, le obbligazioni governative con scadenza compresa tra uno e tre anni godono della protezione del meccanismo cosiddetto Omt, in virtù del quale la Bce può effettuare il riacquisto nel caso in cui lo spread tra BTP e Bund tedeschi dovesse ampliarsi eccessivamente. Inoltre, è sconsigliato investire sui titoli a lunga scadenza anche in considerazione del fatto che una soluzione definitiva ai problemi di stabilità dell’euro non è ancora stata individuata.

In altre parole, dunque, secondo gli esperti i titoli di Stato con scadenza non oltre i tre anni sarebbero in grado di proteggere adeguatamente gli investitori scongiurando eccessivi rischi. Per contro, tuttavia, i titoli a breve scadenza offrono rendimenti che non garantiscono una sufficiente copertura nei confronti dell’effetto erosivo dell’inflazione. Anche il BTP a tre anni, con un rendimento lordo del 2,56% e un rendimento netto del 2,2%, non riesce a oltrepassare la soglia del 2,5% intorno alla quale si aggira il tasso di inflazione corrente.

Per poter realizzare guadagni che consentono di proteggere il capitale investito dall’effetto erosivo dell’inflazione esistono due possibilità: investire sui BTP Italia, che hanno una durata leggermente più lunga (4 anni) ma garantiscono la rivalutazione del capitale investito sulla base dell’andamento dell’inflazione italiana e cedole semestrali anch’esse rivalutate, oppure diversificare il proprio portafoglio includendo anche titoli di Stato a lunga durata (10 anni). Le due soluzioni, tuttavia, non sono necessariamente alternative. Ad esempio, secondo gli esperti, un rendimento del 2,9% circa (2,5% netto) potrebbe essere realizzato con un portafoglio investito per il 50% in BOT, CTZ e BTP fino a tre anni, per il 20% in BTP Italia e per il restante 30% in BTP a 10 anni.


Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CYSEC, FSA, MIFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Valoreazioni.com