Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 17-12-2012 9:40 Aggiornato il: 17-12-2012 9:49

Investire in titoli di Stato italiani nel 2013 e proteggersi dall’inflazione

Valoreazioni

Vuoi un conto trading demo con 50.000€ gratis per fare pratica?In più anche segnali di Trading Gratis.Clicca qui

In vista delle turbolenze che probabilmente caratterizzeranno il mercato del reddito fisso per via delle imminenti elezioni politiche in Italia, i fund manager e gli investitori professionali consigliano di puntare sui titoli di Stato a breve termine. Come ricorda Daniele Guidi, responsabile del reddito fisso di Bnp Paribas Ip, le obbligazioni governative con scadenza compresa tra uno e tre anni godono della protezione del meccanismo cosiddetto Omt, in virtù del quale la Bce può effettuare il riacquisto nel caso in cui lo spread tra BTP e Bund tedeschi dovesse ampliarsi eccessivamente. Inoltre, è sconsigliato investire sui titoli a lunga scadenza anche in considerazione del fatto che una soluzione definitiva ai problemi di stabilità dell’euro non è ancora stata individuata.

In altre parole, dunque, secondo gli esperti i titoli di Stato con scadenza non oltre i tre anni sarebbero in grado di proteggere adeguatamente gli investitori scongiurando eccessivi rischi. Per contro, tuttavia, i titoli a breve scadenza offrono rendimenti che non garantiscono una sufficiente copertura nei confronti dell’effetto erosivo dell’inflazione. Anche il BTP a tre anni, con un rendimento lordo del 2,56% e un rendimento netto del 2,2%, non riesce a oltrepassare la soglia del 2,5% intorno alla quale si aggira il tasso di inflazione corrente.

Per poter realizzare guadagni che consentono di proteggere il capitale investito dall’effetto erosivo dell’inflazione esistono due possibilità: investire sui BTP Italia, che hanno una durata leggermente più lunga (4 anni) ma garantiscono la rivalutazione del capitale investito sulla base dell’andamento dell’inflazione italiana e cedole semestrali anch’esse rivalutate, oppure diversificare il proprio portafoglio includendo anche titoli di Stato a lunga durata (10 anni). Le due soluzioni, tuttavia, non sono necessariamente alternative. Ad esempio, secondo gli esperti, un rendimento del 2,9% circa (2,5% netto) potrebbe essere realizzato con un portafoglio investito per il 50% in BOT, CTZ e BTP fino a tre anni, per il 20% in BTP Italia e per il restante 30% in BTP a 10 anni.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CYSEC, FSA, MIFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Valoreazioni.com