Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 26-02-2013 9:17

Quanto costa investire in BTP e BOT

Chi vuole investire in titoli di Stato, anche solo per risparmiare soldi e renderli al contempo fruttiferi, si trova a dover fare i conti con costi bancari e oneri fiscali di non poco rilievo.

✅  CONTO CORRENTE ZERO SPESE CON N26 — Carta Conto con IBAN Gratuita + Bonus fino a 150€ invitando i tuoi amici. 🔝carta MASTERCARD, per accreditare lo stipendio o fare bonifici in 19 valute. Scopri tutte le caratteristiche sul sito ufficiale >>
✅  CONTO CORRENTE ZERO SPESE CON N26Carta Conto con IBAN Gratuita + Bonus fino a 150€ invitando i tuoi amici. 🔝carta MASTERCARD, per accreditare lo stipendio o fare bonifici in 19 valute. Scopri tutte le caratteristiche sul sito ufficiale >>

A sottolineare le eccessive spese a carico dei risparmiatori italiani è stato CorrierEconomia attraverso la pubblicazione nei mesi scorsi dei risultati di un’indagine condotta dall’Università Bocconi di Milano. In particolare, sono stati presi in considerazione due diversi casi di investimento: 10.000 euro in BOT e 10.000 euro in BTP, con acquisto e vendita (o scadenza per i BOT) a fine anno.

In particolare, nel 2013 chi sceglie di investire in BOT annuali con un rendimento del 2% una somma pari a 10.000 euro va ad intascare alla fine dell’anno un guadagno lordo di 200 euro, di cui devono essere lasciati al fisco 25 euro in virtù dell’applicazione di un’aliquota del 12,5% e 34,2 euro per l’imposta di bollo. Agli oneri fiscali bisogna poi aggiungere i costi bancari, in particolare secondo la ricerca circa il 25% del guadagno viene assorbito dal deposito titoli (20 euro) e dalle commissioni di compravendita (30 euro, pari alla commissione fissa dello 0,30%). Al risparmiatore resta quindi meno della metà del guadagno complessivo.

La situazione peggiora ulteriormente per chi sceglie di investire in BTP la stessa somma di denaro, in quanto in tal caso a fronte di un guadagno totale, tra cedola e capital gain, di 300 euro, la ritenuta fiscale sarà di 37,5 euro, a cui si aggiungono i 34,2 euro del bollo, mentre alle banche va in media il 42% del guadagno. Al risparmiatore, quindi, resta e in tasca poco più del 30% del totale.

L’elaborazione è stata effettuata prendendo in considerazione l’ipotesi estrema, ossia andando ad applicare i costi bancari più elevati sulla base dei dati della trasparenza di sei banche nazionali e considerando le operazioni allo sportello. Tuttavia, almeno per i costi bancari, è possibile risparmiare cercando le offerte più vantaggiose, utilizzando l’home banking o servendosi dei broker online.


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

BrokerCaratteristicheVantaggiConto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
Investous
  • Segnali di trading
  • Conto demo da 100.000€ virtuali
Segnali di trading e conto demo da 100.000€ virtuali Prova Gratis Investous opinioni
ETFinance
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova Gratis ETFinance opinioni
IG
  • Licenze: CONSOB, BaFin
  • Conto CFD, Barrier&Options, Turbo24
  • No deposito minimo
Con IG puoi fare trading sui primi certificati turbo al mondo H24 Prova Gratis IG opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

 

Scopri la semplicità della piattaforma
WEBTRADER di Investous!

 

Inizia a fare trading con un conto demo gratuito da 100.000$

Ora puoi fare trading sui CFD e nel forex con spread competitivi una leva fino a 1:400*