Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 01-11-2013 6:10 Aggiornato il: 01-05-2016 22:16

Andamento inflazione in Italia dal 1981 ad oggi

Il caro-vita può essere sinonimo di crescita economica, ma nel caso dell’Italia – che evidenzia un’economia stagnante da oltre vent’anni – è soprattutto il frutto del malfunzionamento della struttura amministrativa e di tasse su livelli record. Rispetto a trent’anni fa l’inflazione ha galoppato in modo incredibile, senza che i redditi andassero di pari passo. Il risultato è che in molti casi i prezzi sono schizzati anche del 500%! Secondo quanto calcolato dall’Istat, da settembre 1981 ad oggi l’inflazione in Italia è aumentata tra il 200% e il 500%.

L’indagine è stata effettuata su 10 beni dell’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic). Il risultato è che la spesa delle famiglie ha raggiunto livelli stratosferici, mentre i redditi disponibili non sono riusciti a tenere il passo dell’inflazione. Uno dei beni di primissimo consumo come il latte, che oggi costa tra 1,35€ e 1,4€ al litro, ha visto il prezzo crescere del 337,2%. E che dire della carne: il prezzo di 1 kg di pollo o di manzo è aumentato del 208,3%.

Il boom dell’inflazione si è visto chiaramente anche per gli immobili, al di là della crisi del mattone in corso ormai da diversi anni. Il prezzo degli affitti è salito del 494,4% negli ultimi 32 anni. E’ letteralmente volato anche il prezzo delle auto (+252%), ma anche i servizi sanitari non scherzano (+262%). In forte crescita anche il costo dell’istruzione, soprattutto universitaria (+76% negli ultimi 15 anni).

In controtendenza troviamo, invece, il prezzo delle tv a colori, sceso del 32,1%. Più o meno stabile è il prezzo del biglietto al cinema: oggi si paga intorno agli 8 euro, trent’anni fa eravamo attorno alle 13mila lire. Tuttavia, se si considera il cambiamento del potere d’acquisto e i rialzi annui, anche qui siamo di fronte a una crescita dei prezzi di oltre il 347%.


Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CYSEC, FSA, MIFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Valoreazioni.com