Valoreazioni
Pubblicato da: SimoneDP - il: 20-04-2016 21:39 Aggiornato il: 28-04-2016 18:42

Scandalo Mitsubishi: manipolazione dei test di emissioni come Volkswagen

Lo scandalo Mitsubishi sta già occupando tutte le prime pagine di giornale del Sol Levante e molto presto non si farà che parlare d’altro anche qui in Europa. In molti sanno che è bene fare tesoro dei propri errori, per evitare di incapparci in futuro. Meglio ancora se questi errori vengono commessi da altre persone, così da poter vederne le conseguenze senza doverle provare sulla propria pelle. Ma a quanto pare, quelli di Mitsubishi non la pensano alla stessa maniera. Proprio oggi infatti, Mitsubishi ha ammesso ufficialmente:

Abbiamo fatto impropriamente test sulle emissioni sui consumi di carburante per presentare tassi migliori di quelli attualmente realizzati

Una notizia davvero inaspettata, sopratutto dopo tutto ciò che è successo con lo scandalo Dieselgate della Volkswagen. Eppure eccoci di nuovo qui a parlare della stessa situazione, anche se stavolta si tratta dello scandalo Mitsubishi. La sesta casa automobilistica del Giappone (per valore di mercato) ha apertamente dichiarato durante una conferenza stampa di aver riscontrato irregolarità per quanto riguarda i test sulle emissioni dei propri veicoli. Infatti, il numero uno giapponese di Mitsubishi, Tetsuro Aikawa, ha chiesto ufficialmente scusa per tali irregolarità riscontrate, proponendo anche il blocco della produzione delle macchine incriminate. I test delle emissioni anti-smog incriminati riguardano ben 625.000 veicoli prodotti dal 2013, mini car però prodotte e destinate solamente al mercato giapponese: stiamo parlando della eK wagon e eK space. Oltre a 468.000 vetture prodotte per conto di Nissan. Dovrebbe quindi rimanere fuori dallo scandalo il mercato europeo e quello americano. La stessa Mitsubishi Italia ha annunciato in una nota che per motivi di sicurezza, e rispetto verso i propri clienti, ha deciso di assumere un comitato di esperti terzi per la verifica delle modalità di rivelazione su tutta la gamma dei veicoli Mitsubishi venduti in Italia.

mitsubishi_logo

Scandalo Mitsubishi: i dettagli

Da quanto ha affermato il numero uno di Mitsubishi Aikawa, la casa automobilistica nipponica non era a conoscenza delle irregolarità in corso riguardanti i test emissioni. Per tale motivo, ha voluto prendere immediatamente le distanze dall’accaduto tramite una conferenza stampa in cui ha esposto i fatti ai giornalisti presenti, chiedendo ufficialmente scusa sia al Ministero dei Trasporti giapponese che ai propri clienti. Nonostante le buone intenzioni del colosso giapponese, i mercati finanziari hanno risposto davvero male alla notizia dello scandalo Mitsubishi. Appena la notizia si è divulgata tramite la conferenza stampa, il titolo Mitsubishi ha perso un pesante 15% in borsa, subendo un crollo pari a $1,2 miliardi di dollari del suo valore. Un tonfo che risulta essere il più grande crollo giornaliero degli ultimi 12 anni per la borsa di Tokyo.

Anche se la situazione è considerevolmente diversa rispetto al caso Volkswagen, le conseguenze molto probbilmente saranno le stesse. In questo caso infatti, l’anomalia è stata riscontrata proprio da un’indagine interna della stessa Mitsubishi su i propri veicoli prodotti per il mercato giapponese. Ma come il crollo in borsa del titolo Mitsubishi può testimoniare, la fiducia dei consumatori sembra ormai tradita in pieno. Si aspettano quindi le reazioni del Ministro dei Trasporti giapponese e le probabili sanzioni a cui la casa automiblistica nipponica dovrà andare incontro. Sempre sperando che lo scandalo relativo alle anomalie dei test anti-smog rimanga un problema confinato al solo Giappone, e non coinvolga anche altre vetture prodotte per i mercati europei o americani.

 


Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 50 $
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CYSEC, FSA, MIFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* Your capital is at risk (CFD service)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Valoreazioni.com