Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 28-04-2014 9:22

A chi spetta il bonus di 80 euro in busta paga

Il decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014, fortemente voluto dal Governo guidato dal neo premier Matteo Renzi “Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 95 del 24 aprile 2014, ha previsto tra le varie cose anche un bonus di 80 euro che sarà corrisposto ai lavoratori a partire dalla busta paga di maggio 2014.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Ma a chi spetta tale bonus? Anzitutto, per averne diritto è necessario avere un reddito compreso tra 8.000 e 24.000 euro annui. In tal caso il bonus sarà di 80 euro, mentre in caso di reddito compreso tra 24.000 e 26.000 euro annui il bonus diminuirà con il crescere del reddito. Oltre i 26.000 euro non spetterà alcun bonus. Occorre inoltre precisare che si ha diritto al bonus, riconosciuto direttamente dal sostituto d’imposta in busta paga, quando l’imposta lorda sul reddito supera la detrazione per lavoro dipendente.

Le categorie di lavoratori che ne avranno diritto sono i lavoratori dipendenti e coloro che percepiscono redditi assimilati al lavoro dipendente. Tale bonus spetta quindi, ad esempio, ai soci lavoratori delle cooperative; in relazione a borse di studio e assegni di formazione professionale; a coloro che percepiscono compensi per collaborazioni coordinate e continuative; in relazione alle remunerazioni dei sacerdoti; in relazione alle prestazioni pensionistiche erogate da forme di previdenza complementare; in relazione ai compensi percepiti dai lavoratori socialmente utili.

Contestulamente, sono state previste anche agevolazioni per le imprese, sotto forma di una riduzione dell’Irap. In particolare si passa dal 3,9 al 3,5%, per la generalità dei contribuenti; dal 1,9 al 1,7% per il settore agricolo e le cooperative di piccola pesca; dal 4,65 al 4,2%, per le banche e gli altri soggetti finanziari; dal 5,9 al 5,3%, per le imprese di assicurazione; dal 4,2 al 3,8% per le imprese titolari di concessioni per la gestione di servizi e opere pubbliche diverse da quelle di costruzione e gestione di autostrade e trafori.


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTrade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Broker con più regolamentazioni
Copy trading
Segnali di Trading
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.