Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 29-11-2014 11:41

A Piazza Affari crollano i titoli del settore petrolifero

L’ultima seduta della settimana a Piazza Affari è stata caratterizzata dall’andamento dei titoli petroliferi i quali, dopo il forte ribasso subito dal prezzo del greggio, sono crollati in borsa. I principali indici della Borsa Italiana hanno chiuso la seduta in ribasso, ad eccezione del Ftse Italia Mid Cap e il segmento Star in frazionale rialzo.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Il Ftse Mib è sceso dello 0,43% a 20.015 punti, chiudendo la settimana con un rialzo dello 0,3%; male anche il Ftse Italia All Share che ha ceduto lo 0,4% a 21.115 punti; rialzi minimi per il Ftse Italia All Share che ha chiuso a +0,08% e il Ftse Italia Star a +0,43%. Nella seduta di ieri il controvalore degli scambi è saluto a 2,78 miliardi di euro rispetto ai 2,32 miliardi di giovedì; l’euro ha oscillato intorno agli 1,245 dollari e l’oro è sceso a 1.180 dollari. Dei 329 titoli trattati a Piazza Affari, 157 hanno terminato la giornata in ribasso, 156 in positivo e invariati i restanti 16 titoli.

Come dicevamo, è stato un venerdì nero per il settore petrolifero a causa del forte ribasso subito dal prezzo del greggio, sotto i 69 dollari al barile a New York, in seguito alla decisione dell’Opec di non tagliare la produzione. Tutti i titoli petroliferi hanno subito pesanti flessioni a Piazza Affari.

Nel dettaglio, Eni ha subito un ribasso del 2,72% a 16,07 euro; ancora peggio sono andate Saipem e Tenaris: la prima ha chiuso a -5,42% a 11,51 euro mentre la seconda a -4,32% a 13,3 euro. Immediata la reazione degli analisti: gli esperti di Nomura hanno tagliato da 18,5 euro a 15,5 euro il target price di Eni, oltre alla decisione di ridurre il titolo in portafoglio. Inoltre, Discovery Capital Management ha aumentato lo short su Saipem portandolo dallo 0,5 allo 0,67 per cento.


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni
ROInvesting
  • Licenza: CySEC
  • Sponsor A.C. Milan
  • Investi con Paypal
Formazione Trader Prova Gratis ROInvesting opinioni
101Investing
  • Licenza: CySEC
  • Gran numero di valute e criptovalute
  • Deposito min: 100 €
Gran numero di valute e criptovalute Prova Gratis 101Investing opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trading da mobile in sicurezza? Prova l'app AVATRADE GO con un conto demo gratuito.

Scopri di più
X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Il conto demo gratuito XTB offre: