Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 17-03-2015 10:36 Aggiornato il: 22-10-2018 15:08

Eni i giudizi degli analisti dopo il piano industriale al 2018

Dopo la presentazione del piano industriale al 2018 di Eni e la decisione di ridurre il dividendo, non si sono fatti attendere i giudizi e le indicazioni degli analisti delle principali banche d’affari e delle agenzie di rating.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Gli esperti di Deutsche Bank hanno diminuito il prezzo obiettivo del titolo da 18 a 16 euro, pur confermando l’indicazione di mantenere le azioni nel portafoglio (rating “hold”). Sulla stessa lunghezza d’onda anche Banca Akros, che ha ridotto il target price da 22 a 20 euro, ma ha mantenuto il giudizio “buy” sulle azioni.

A deludere gli analisti di Banca Imi è soprattutto la decisione di tagliare il dividendo 2015 (si veda: Eni presentato il piano industriale al 2018), anche se confermano sia rating “hold” che prezzo obiettivo a 14,90 euro, avvertendo tuttavia che, finché il prezzo del petrolio rimarrà debole, l’acquisto del titolo non è esente da rischi.

Di giudizio opposto sono, invece, gli esperti di Société Générale, che hanno alzato il prezzo obiettivo di Eni a 18 euro dai precedenti 17,5 euro; confermato il giudizio “buy” sulle azioni, i quali ritengono che, nonostante la sospensione del buy back e il taglio del dividendo, Eni stia diventando più forte dal punto di vista industriale.

Rimangano negativi, invece, i giudizi di JP Morgan e di Bnp Paribas, rispettivamente rating “underweight” e “underperform”. Per gli analisti di Citi il giudizio è “sell”, con prezzo obiettivo a 13 euro, in quanto ritengono che il taglio del dividendo di Eni sarà un passo che verrà seguito anche da altre aziende oil&gas soprattutto se il prezzo del petrolio rimarrà basso per molto tempo.

Intanto il gruppo del Cane a sei zampe ha completato positivamente gli studi per l’esplorazione di giacimenti di gas in Indonesia e in Libia.


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTrade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Broker con più regolamentazioni
Copy trading
Segnali di Trading
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.