Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 22-01-2014 8:43

Ipotesi quotazione in Borsa Poste Italiane

Secondo le ultime indiscrezioni, entro la fine dell’estate, ma probabilmente già il prossimo luglio, Poste Italiane potrebbe approdare sul listino della Borsa di Milano. In questi giorni, infatti, è tornato alla ribalta il tema della privatizzazione, sulla scia del piano di valorizzazione del gruppo annunciato lo scorso mese dal premier Enrico Letta.

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

Secondo alcune stime, in particolare quelle formulate da Deutsche Bank nel 2010 in occasione dell’uscita dal capitale della Cassa Depositi e Prestiti previa cessione di una quota del 35% a favore del Tesoro, la valutazione complessiva della società si aggira intorno ai 10 miliardi di euro. Ad oggi l’ipotesi è quella di un flottante azionario del 40%, di cui il 50-60% dovrebbe andare agli investitori istituzionali, una quota del 5% ai dipendenti e la parte restante al canale retail.

Per quanto riguarda i dipendenti, essi diverranno automaticamente soci e avranno un loro rappresentante all’interno del Consiglio di amministrazione. Al riguardo, ricordiamo, il presidente della Cisl, Raffaele Bonanni, nelle scorse settimane ha chiesto che ai dipendenti di Poste Italiane venisse riconosciuta una quota del flottante pari almeno al 10%, in modo tale da ricalcare quanto già accade oggi nelle poste britanniche.

Prima dell’approdo in Borsa di Poste Italiane, tuttavia, vanno risolte alcune questioni importanti. Anzitutto manca il perfezionamento dell’accordo con la Cassa Depositi e Prestiti che per remunerare la raccolta di risparmio in cui affluiscono Buoni Fruttiferi Postali e Libretti Postali versa ogni anno a Poste Italiane un forfait (1,6 miliardi di euro nel 2012). L’obiettivo è quello di allungare questo accordo da uno a tre-cinque anni.


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

BrokerCaratteristicheVantaggiConto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
IG
  • Licenze: CONSOB, BaFin
  • Conto CFD, Barrier&Options, Turbo24
  • No deposito minimo
Con IG puoi fare trading sui primi certificati turbo al mondo H24 Prova Gratis IG opinioni
ETFinance
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova Gratis ETFinance opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

 

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

 

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19