Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 07-08-2014 10:24

Italia in recessione tecnica e situazione di Piazza Affari

La crescita dell’Italia ha subito una nuova doccia gelata: nella stima preliminare dell’Istat il Pil del secondo trimestre ha registrato una  flessione negativa pari a -0,2% rispetto al trimestre precedente. Dopo due trimestri col segno meno del Pil, l’Italia tecnicamente torna in recessione.

Il Pil dell’Italia nel secondo trimestre ha registrato un brutto -0,2% rispetto al passato trimestre; su base annuale la flessione è pari a -0,3%. Il Pin negativo pone interrogativi sulla sostenibilità del debito pubblico che, secondo Morgan Stanley, in queste condizioni è destinato a crescere oltre il 135% del Pil entro quest’anno. L’Istat spiega che questo calo è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto in tutti e tre i grandi settori di attività economica del Paese: agricoltura, industria e servizi.

I risultati non si sono fatti attendere a Piazza Affari che, in realtà, soffre di pesanti ribassi già da giorni. A farne le spese più di tutti sono i titoli bancari, il cui andamento è strettamente collegato alle quotazioni dei titoli di Stato di cui sono i principali detentori : la seduta di ieri è stata caratterizzata da diverse sospensioni per eccesso di ribasso e una conseguente pioggia di vendite.

Ubi Banca ha chiuso a -5,38 per cento a 5,72 euro, Unicredit a -3,75% a 5,64 punti , male anche Intesa SanPaolo, nonostante le buone prestazioni dei giorni scorsi (si veda: Intesa SanPaolo risultati del primo semestre 2014); pessima performance peggiore anche per il Monte dei Pashi di Siena che ha registrato un calo del 5,94% a 1,187 euro e per la Banca Popolare di Milano a -8,29% a 0,575 euro.

Oltre ai titoli bancari soffre anche Fiat per i timori di esercizio del diritto di recesso da parte dei soci azionisti dopo il via libera alla fusione con Chrysler (si veda: Fiat assemblea degli azionisti approva la fusione con Chrysler). Preoccupazione anche per Telecom che, dopo la diffusione dei dati della prima semestrale 2014 (Telecom Italia i conti del primo semestre 2014) soffre della notizia della possibile uscita dall’azionariato degli spagnoli di Telefonica.

Intanto, i riflettori sono puntati sulla riunione della BCE e sulla seguente conferenza stampa di Mario Draghi prevista per oggi.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis

Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CYSEC, FSA, MIFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Valoreazioni.com