Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 12-08-2014 10:40

Moody’s taglia le stime sul Pil dell’Italia

Doccia fredda per l’Italia: l’agenzia di rating Moody’s ha peggiorato le stime sull’economia italiana tagliando le previsione sul Pil dell’intero 2014: dallo 0,5% allo 0,1%. L’analisi di Moody’s arriva dopo le revisioni al ribasso delle stime sul Pil del Bel Paese.

Agli esperti dell’agenzia di rating Moody’s non piace la lentezza con la quale l’esecutivo italiano sta perfezionando le riforme, per cui hanno tagliato le stime sul Pil, che dalle precedenti previsioni di crescita dello 0,5, è passato allo 0,1%.

Moody’s ha spiegato che la decisione di abbassare le stime sull’Italia è arrivata alla luce dei recenti dati sul Pil (si veda: Italia in recessione tecnica e situazione di Piazza Affari): l’autorevole agenzia di rating americana ritiene che sarà alquanto difficile per il Paese ridurre deficit e debito pubblico, ma soprattutto implementare le riforme strutturali. Per Moody’s l’Italia vivrà il suo terzo anno di recessione, nonostante la misura degli 80 euro entrata in vigore a giugno.

Se Moody’s è la prima a prevedere il segno meno per l’Italia, non è la prima a mostrarsi scettica sulle possibilità di ripresa del Paese: anche altri analisti hanno espresso perplessità sulle potenzialità economiche italiane. Ad esempio, Goldman Sachs ha suggerito di smettere i comprare BTp. Così come Barclays che ha annunciato di aver interrotto gli acquisti su Bonos e Btp; anche Morgan Stanley ha espresso il proprio scetticismo sulle possibilità dell’Italia di ridurre il debito pubblico.

Le stime di Moody’s prendono le mosse dall’ultimo dato sul Pil che è sceso dello 0,2% nel secondo trimestre dell’anno; questo ha indotto gli analisti a rivedere le stime dell’intero anno e a ricalcolare deficit e debito. L’agenzia infatti, ha alzato le sue attese sul rapporto Debito/Pil al 136,4% rispetto al precedente 135,8%, e dichiarato che vede il rapporto Deficit/Pil al 2,7%.

Secondo gli esperti, la diminuzione del Pil, oltre a minare la politica di consolidamento fiscale del Governo, complicherà la messa a punto delle riforme di Renzi, anche considerando che l’Italia, come dimostra l’indice dell’Ocse sulla reattività alle riforme, è il Paese del Sud Europa meno veloce a progredire.


Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CYSEC, FSA, MIFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Valoreazioni.com