Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 06-12-2014 9:50 Aggiornato il: 02-05-2016 12:15

Quanto costa fare la voltura del gas

Quando si affitta un nuovo appartamento o si prende in gestione un immobile bisogna intestare a proprio nome le varie utenze, come ad esempio quella del gas; questa operazione si chiama voltura. Quanto costa intestare a proprio nome un contratto di fornitura del gas già attivo? A questa e ad altre domande cercheremo di rispondere in questo post.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Innanzi tutto bisogna capire se si tratta effettivamente di una voltura oppure di un subentro. In tutti e due i casi non c’è bisogno di un nuovo allaccio, ossia non c’è bisogno dell’istallazione di un nuovo impianto.

La voltura viene effettuata quando l’erogazione del servizio non è ancora terminata e il contratto è ancora attivo: in pratica si tratta di un semplice cambio di intestazione del contratto. Il subentro, invece, avviene quando l’erogazione del servizio è già terminata e il contratto non è più attivo.

I costi di voltura dipendono dal tipo di fornitore, ovvero se si tratta di uno di quelli con tariffe in regime di maggior tutela fissate  dall’Autorità dell’energia elettrica e del gas, oppure se si tratta di un fornitore del mercato libero.

In caso di contratto in regime di maggior tutela, i costi per la voltura saranno i seguenti:

– contributo di 27,59 euro per oneri amministrativi;
– imposta di bollo di 16,00 euro sul nuovo contratto, come previsto dalla normativa fiscale;
– contributo fisso di 23 euro.
Attualmente, quindi, il costo complessivo per la voltura con il regime di maggior tutela è pari a 66,59 euro.

In caso di fornitori del mercato libero, i costi per la voltura saranno:

– contributo fisso di 27,59 euro per oneri amministrativi;
– imposta di bollo  di 16 euro sul nuovo contratto, come previsto dalla normativa fiscale;
– addebito nella prestazione come specificato nei singoli contratti.

In pratica, il contributo per oneri amministrativi e l’imposta di bollo si pagano sia in regime di maggior tutela che nel mercato libero; la differenza sta nel fatto che nel mercato libero non c’è il contributo fisso di 23 euro, che è deciso dall’operatore e reso noto attraverso il materiale informativo e, quindi, il costo complessivo della voltura cambia da un operatore all’altro.


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
200$
Il nostro punteggio
10
100% Azioni - 0 Commissioni
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC, Consob, CNMV, BaFin, KNF
Strumenti Intregrati
3
ROInvesting
Deposito minimo
215€
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC / MiFID II
A.C. Milan PARTNER
Investi con Paypal
4
101Investing
Deposito minimo
250$
Il nostro punteggio
9
Licenza: CySEC
Gran numero di valute e criptovalute
Deposito min: 250 $

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.