Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 20-05-2014 10:35

Scadenza Tasi slitta a settembre ma solo per alcuni Comuni

Il termine di scadenza per il pagamento della Tasi, fissato al 16 giugno prossimo, potrebbe essere fatto slittare a settembre, ma solo in alcuni casi, ovvero solo per quei Comuni che non avranno provveduto a deliberare le aliquote entro il 23 maggio, mentre per tutti i Comuni che avranno provveduto a tale delibera la scadenza per il pagamento della prima rata della nuova imposta rimane ferma al 16 giugno prossimo. A stabilirlo è stata una nota diramata dal Ministero dell’Economia dopo un incontro con l’Anci, soprattutto al fine di venire incontro alle esigenze delle singole amministrazioni comunali, nonché per garantire ai contribuenti certezze in tema di adempimenti fiscali.

Alla scadenza del termine per la deliberazione delle aliquote, che consente di mantenere la scadenza per il pagamento della prima rata al 16 giugno, mancano pochissimi giorni. Tuttavia, la maggior parte dei Comuni “rischia” di dover far slittare tale scadenza al 23 settembre. Ad oggi, infatti, sono solo poco più di 800 i Comuni italiani che hanno provveduto a deliberare le aliquote da applicare alla Tasi, quindi circa il 10% del totale dei Comuni italiani.

Nella maggior parte dei casi, salvo alcune rare eccezioni, è stato deciso per un incremento delle aliquote. Al momento, le città in cui la Tasi sarà più cara sono Bergamo, Ferrara, Genova, La Spezia, Macerata, Mantova, Milano, Palermo, Pistoia, Sassari, Savona e Siracusa. Per contro, in alcune città la Tasi costerà meno dell’Imu, ad esempio a Caserta, Aosta, Pordenone, Livorno e Roma.

La Tasi, ricordiamo, è la nuova imposta sui servizi indivisibili che, insieme alla Tari, ha sostituito l’Imu, o almeno in parte, visto che quest’ultima è ancora in vigore per alcune tipologie di immobili, come le seconde case, gli immobili di pregio e i negozi. Tra le novità l’obbligo per gli inquilini di contribuire al pagamento di tale tassa per una quota compresa tra il 10% e il 30% dell’intero ammontare.


Migliori piattaforme di Trading & Forex

eToro Deposito: 200$
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100 €
Licenza: CYSEC, FSA, MIFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250$
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Dukascopy Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

Valoreazioni.com