Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 28-08-2013 11:10

Società italiane quotate esposte in Turchia

La brusca frenata messa a segno dalla lira turca, che ha toccato il suo livello più basso mai registrato dal 1981 ad oggi, ossia da quando Bloomberg ha iniziato a registrare i dati della valuta di Ankara, ha portato la Banca entrale turca a tentare di frenare la svalutazione vendendo 8,3 miliardi di dollari. Gli analisti continuano però ad essere pessimisti, del resto la lira turca ha perso negli ultimi tre mesi il 7,5% del suo valore, registrando così il crollo maggiore tra i mercati emergenti in Europa, Medio Oriente e Africa.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Il crollo della valuta è stato ricondotto in larga parte all‘uscita degli invetitori dai mercati emergenti, iniziata quando la Federal Reserve ha fatto sapere di essere intenzionata a ridurre l’ammontare di liquidità, pari a circa 85 miliardi di dollari, che immette ogni mese nell’economia mondiale. A questo si aggiunge l’impossibilità per la Turchia di poter contare sull’uso delle riserve in valuta per proteggere la sua stabilità finanziaria, in quanto ammontano a 109 miliardi dollari e secondo buona parte degli analisti sono pertanto insufficienti per far fronte alle sue necessità.

La situazione, dunque, pare sia destinata a peggiorare, con conseguenze negative oltre che sull’economia del Paese anche sui conti delle numerose società presenti in Turchia, fino a qualche mese fa considerata un’economia in forte espansione e che negli ultimi 5 anni ha registrato tassi di crescita compresi tra il 7% e il 9%.

Restringendo il campo alle sole società italiane quotate in Borsa, secondo un articolo pubblicato da La Repubblica, potrebbero risentire della svalutazione della lira turca e delle conseguenti difficoltà di tipo economico del Paese diverse società italiane. Tra le più attive in Turchia sono state indicate Unicredit, presente nel Paese con Yapi Kredi; Fiat, presente con la joint venture Tofas; Pirelli, presente con un grosso stabilimento di pneumatici; Recordati, presente in Turchia attraverso una società controllata.


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni
ROInvesting
  • Licenza: CySEC
  • Sponsor A.C. Milan
  • Investi con Paypal
Formazione Trader Prova Gratis ROInvesting opinioni
101Investing
  • Licenza: CySEC
  • Gran numero di valute e criptovalute
  • Deposito min: 100 €
Gran numero di valute e criptovalute Prova Gratis 101Investing opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trading da mobile in sicurezza? Prova l'app AVATRADE GO con un conto demo gratuito.

Scopri di più
X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.