Valoreazioni
Pubblicato da: Redazione - il: 27-12-2015 16:40 Aggiornato il: 23-02-2016 7:05

Veneto Banca, dalla crisi alla quotazione in Borsa 5

Veneto Banca ha recentemente deliberato la volontà di quotarsi presso la Borsa milanese, ed ha condiviso gli step da intraprendere con la Banca centrale europea, anticipando che la road map individuata prevede uno sbarco sui mercati regolamentati entro il mese di aprile. Dunque, ottenuto il via libera da parte dei soci nello scorso fine settimana (un via libera non del tutto inatteso, ma sono state sicuramente impreviste le importanti percentuali con il quale è stato portato a casa), il top management della banca progetta il suo futuro a breve termine, contraddistinto da ritmi che sarà difficile sottovalutare.

veneto-banca

I vertici dell’istituto di credito si sono infatti già recati a Roma per incontrare alcuni emissari della Banca centrale europea e della Banca d’Italia: un accordo programmato da tempo e che si sarebbe svolto anche in caso di esito negativo della votazione sulla quotazione, tanto che in origine la partecipazione a tale ristretto meeting sarebbe servita a comprendere quali fossero le potenziali misure (ordinarie o di emergenza) da varare per consentire all’istituto di risollevare le proprie sorti.

Altrettanto naturalmente, appare chiaro che nonostante l’ampio “si” ottenuto lo scorso weekend dai soci, l’istituto di credito rimanga sotto la stretta osservazione degli ispettori: la presenza di coefficienti patrimoniali inferiori a quanto richiesto dagli organi di vigilanza non mente, ed è più che sufficiente per giustificare una specifica lente di ingrandimento sulle condizioni di vita di Veneto Banca.

Se quanto sopra è vero e assodato, lo è altrettanto il fatto che alla luce all’esito dell’assemblea (al di là delle più rosee previsioni: il 97% dei soci si è infatti espresso a favore delle misure proposte dal consiglio di amministrazione, che prevedono la trasformazione da popolare in società per azioni, l’aumento di capitale da un miliardo di euro e la quotazione in Borsa), l’appuntamento con gli organi di vigilanza è stato contraddistinto da diversi toni, forse più rilassati.

E proprio in questo clima di maggiore serenità, il presidente Pierluigi Bolla, l’amministratore delegato Cristiano Carrus e il presidente del Comitato esecutivo, Maurizio Benvenuto, hanno evidenziato quelli che saranno i prossimi passi in vista della quotazione di aprile. Facciamo dunque un po’ di chiarezza:

  1. a gennaio (la data attualmente prevista in calendario è quella del 29 del mese, ma non si escludono spostamenti) si terrà il primo incontro con gli analisti che seguono la fase di prequotazione. Contemporaneamente, verrà definito il necessario consorzio di garanzia in vista della Ipo. La transazione ha una garanzia di Banca Imi mentre sono una decina le banche di investimento coinvolte.
  1. a febbraio, e presumibilmente prima della metà del mese il management societario presenterà il bilancio consolidato del 2015, cercando di incrementare la necessaria e richiesta trasparenza, a beneficio degli investitori attuali e potenziali. Sempre nel mese di febbraio è previsto un nuovo appuntamento con gli analisti.
  1. a marzo, a un mese dalla quotazione, è invece previsto il piano di premarketing sui mercati internazionali, a valle del quale sarà definito un prezzo di forchetta per l’Ipo, la cui diffusione avverrà verso fine marzo. Prenderà poi il via il bookbuilding con il diritto di opzione ai soci, e la probabile partecipazione di soci bancari che potrebbero impegnarsi a coprire parte della quotazione.
  1. ad aprile è infine prevista la quotazione, forse intorno alla metà del mese.

Seguiremo passo dopo passo le vicende di Veneto Banca. Un vero e proprio “test” per un sistema bancario in corso di continua evoluzione.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>


Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni
ROInvesting
  • Licenza: CySEC
  • Sponsor A.C. Milan
  • Investi con Paypal
Formazione Trader Prova Gratis ROInvesting opinioni
Markets.com
  • Trading CFD con Marketsx
  • Metatrader 4 e 5;
  • Negoziazione di azioni con Marketsi
Ampia scelta di asset e piattaforme Prova Gratis Markets.com opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trading da mobile in sicurezza? Prova l'app AVATRADE GO con un conto demo gratuito.

Scopri di più
X

Valoreazioni.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

etoro

Investi con fiducia sulla piattaforma leader mondiale di social trading

Il modo piu’ intelligente per investire,  copiare automaticamente i trader piu’ esperti.

Questa è la rivoluzione del social trading di eToro.

Condividi sulla community le tue strategie di trading e utilizza la funzione di CopyTrader™.

Ricevi $100.000 per fare pratica e migliorare le tue capacità di trading

Un portafoglio virtuale, che ti consente di fare pratica senza rischi.

Il 75% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo provider. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.